IL “CASO” RIINA E LA DISINFORMAZIONE ITALIANA

Il 5 Giugno scorso, la prima sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato l’ordinanza del Tribunale di sorveglianza di Bologna, con rinvio per nuovo esame allo stesso Tribunale, con cui si negava la possibilità a Salvatore Riina di essere ammesso al differimento della pena o alla detenzione domiciliare, nonostante la grave situazione fisica e…

ARCHEOMAFIA: la “nuova” frontiera del business mafioso.

Scavi clandestini, furti, razzie nei siti archeologici, traffico illegale di opere d’arte: in una parola ARCHEOMAFIE. I numeri di queste organizzazioni, che operano con metodo criminale, sono da record: il giro d’affari, secondo un’elaborazione dell’Osservatorio Internazionale Archeomafie in collaborazione con il Centro Studi Criminologici di Viterbo, è di 150 milioni l’anno ed ha coinvolto, in…

IL SISTEMA DI WELFARE DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

E’ opinione ormai concorde, presso i vari osservatori e i tecnici del diritto penale, che l’opera di contrasto alla criminalità organizzata non possa comporsi della sola repressione: i clan hanno la possibilità di accedere a nuove leve del crimine, possono facilmente rimpiazzare gli affiliati incarcerati, divenuti collaboratori di giustizia o ammazzati nelle faide tra cosche….

UN COGNOME, UN DESTINO? LA STORIA DI MARIA RITA LO GIUDICE

  Dai genitori si può ereditare il naso, la forma del mento, il colore degli occhi. Si possono ereditare le vecchie perle della nonna, un immobile. Oppure ci sono quelle abitudini, il modo di grattarsi il sopracciglio quando si è sovrappensiero, le piccole ossessioni mattutine che, con sorpresa e sbalordimento, ci si accorge, sono così…

“PECUNIA NON OLET”

“Secondo il Fondo Monetario Internazionale il riciclaggio muove almeno il 5% del Pil del pianeta. In Italia Bankitalia ha stimato che le mafie muovano con il denaro sporco almeno il doppio. A conti fatti si tratta di 150 miliardi di euro, come dire 4.750 € al secondo. Se il riciclaggio fosse una holding sarebbe la…

LEA GAROFALO, LA DONNA CHE SFIDO’ LA ‘NDRANGHETA

Questa storia inizia in Viale Montello n. 6, a Milano. Un edificio arroccato, stile fortino, con appartamenti tutti uguali, che si affacciano su grandi cortili interni. Una tipica casa di ringhiera milanese, una struttura popolare dove le vite delle varie famiglie si fondono insieme, dove tutti conoscono tutti. È in uno di questi appartamenti che…

TRA AGGUATI E FUOCHI D’ARTIFICIO, CERCASI RINASCITA!

Sono passate da poco le 20:30 del 6 marzo a Bari, in via Peucetia, (quartiere Japigia) quando all’improvviso un motorino con a bordo due persone viene bersagliato e colpito ripetutamente con un’ arma di grosso calibro da un auto con a bordo i killer, la cui identità risulta per il momento ignota. Sul motorino c’erano…

Peppino Valarioti

Gli abitanti del Sud conservano sempre un rapporto viscerale con la propria terra: anche da lontano, anche quando si è andati via per lavoro, si scandiscono con orgoglio le lettere del proprio paese di provenienza, quando il collega di lavoro o gli amici dell’università chiedono da dove provieni. La terra e le famiglie che la…

DONNE D’ONORE: UNA REALTA’ (quasi) SCONOSCIUTA

“Le donne di mafia non sono protagoniste della violenza in prima persona, generalmente non uccidono, non sono pari agli uomini sul piano delle decisioni, eppure oggi tutti gli addetti ai lavori, dai magistrati ai poliziotti, dagli studiosi agli psicologi dei servizi pubblici concordano che il loro ruolo dalle molpelici sfaccettature sia di grande rilevanza” Renate…

SACRO E PROFANO

Accostare la mafia e la religione è un ossimoro, un po’ come dire lucida follia o guerra santa: sono cose fra loro inconciliabili, contrastanti, incompatibili. Eppure questo è un binomio assai consolidato, sotto molti punti di vista. Mafiosi e camorristi, ‘ndranghetisti e sacristi: chi più, chi meno, tutte le principali organizzazioni mafiose del nostro paese…

IL PARADOSSO DI POLSI

  La strada per Polsi è impervia, piena di curve, in parte asfaltata in parte sterrata. Autobus colmi di pellegrini riescono a malapena ad arrivare in quel piazzale su cui domina la chiesa della “Madonna da Muntagna”  che improvvisamente rompe la monotonia creata da sentieri, boschi e silenzio  propri dell’Aspromonte, il massiccio montuoso calabrese. Varie…

LA SOCIETÀ FOGGIANA

Ottobre 2016, lo scenario è un bar di periferia di una città del Sud. Due ragazzi stanno prendendo un caffè; una routine, un’abitudine ormai consolidata. Poco dopo entrano due uomini incappucciati e armati di fucile e pistola. Il bilancio della sparatoria recita un morto di poco di più di vent’anni e un ferito di ventuno,…